1. I costi ambientali dell’agricoltura
  2. I costi sociali dell’agricoltura
  3. Quanto costa davvero ciò che mangio?
  4. Le difficoltà dei piccoli agricoltori
  5. Farmer market e non solo…
  6. L’educatore
  7. Educazione Ambientale
  8. Occorre una visione ecologica del mondo
  9. I piccoli agricoltori
  10. Circo Pizza & Show. Una piacevolissima sorpresa: uno dei miei luoghi
  11. Principi inderogabili o obiettivi praticabili?
  12. Ti voglio bene
  13. Incontri inaspettati. Pieni d’Amore
  14. ma sappiamo essere grati?!
  15. La ricetta della felicità
  16. Malga Civertaghe – new entry tra i miei luoghi!
  17. Ambiente che passione! (III)
  18. Ambiente che passione! (II)
  19. Ambiente che passione! (I)
  20. Cammina a testa alta
  21. Cammina a testa in su
  22. L’abbraccio
  23. Conta fino a tre prima di parlare!
  24. A volte bisogna un po’ mollare…
  25. Metti un’amica che ti conosce da sempre…
  26. Non capita spesso.
  27. Un’estate al mare
  28. ma se uccidi le zanzare… che vegana sei?!
  29. Gita fuori porta? Il Casentino fa per voi!
  30. Sei veg? E io ti giudico!
  31. Passeggiata in Oltrarno
  32. Luoghi, non-luoghi. L’Hotel Sole a Bellamonte è uno dei “miei luoghi”
  33. Attenzione! A comprare tutto on line si rischia grosso!
  34. Storie inventate. Il lupo e la pecora – parte II
  35. Quale che sia il tuo ruolo, sii gentile
  36. Non sprecare l’acqua!
  37. Amori che finiscono
  38. La fortuna di lavorare con belle persone
  39. Il lupo e la pecora parte I
  40. I non-luoghi non mi appartengono. Castiglione della Pescaia sì!
  41. Orgogliosa di essere nella famiglia di Tuttafirenze
  42. Lettera a una futura mamma
  43. Sono un ragazzo fortunato… Jovanotti tributa il Nelson Mandela Forum a Firenze
  44. E quindi…cosa mangiano i vegani?!
  45. Per chi non lo SLA
  46. Regalo della natura
  47. Bellezza all’improvviso
  48. In punta di piedi. Educazione alla sostenibilità in II elementare
  49. Per San Valentino regala un fiore…
  50. Sono vegana perchè…
  51. Franca adozione pelosi, una vita dedicata ai cani
  52. L’amore vince tutto. Ho incontrato Zia Caterina!
  53. La fortuna di essere mamma
  54. La gioia risiede nelle piccole cose della vita. Se le sai vedere
  55. Due ragazzi, una sfida: la scelta biodinamica delle Fattorie Della Valle
  56. Andando per mercatini natalizi alla scoperta di tradizioni, estro creativo e sapori genuini
  57. Se inizio ancora una frase con “no”…
  58. L’idea di scrivere cosa significa vivere in modo sostenibile …
  59. a gennaio si riparte! (cioè io riparto!)
  60. Torri del Benaco nel presepe
  61. Il viaggio come percorso
  62. BUON NATALE amica-sorella- web designer-salvatrice!
  63. Altro che camino! Babbo Natale usa questa scala!!!
  64. All’amor non si comanda
  65. Storie di donne
  66. Mi presento
  67. Dico “naturale”, ho detto tutto…
  68. C’è sempre un motivo per sorridere, anche quando piove!
  69. Scelte di una mamma
  70. Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te!
  71. Grazie C.!!!
  72. Cammina a testa in su!
  73. E poi ci sono giornate come questa
  74. Oggi è proprio uno di quei giorni in cui mi sento una persona privilegiata.
  75. Oggi mi sento stupida più che fortunata!
  76. Le uova. Tutto è partito da lì
  77. Attenzione alle uova che compri!
  78. Cosa significa sostenibile?!
  79. bramo iniziare questo blog!!!

Sorrido al pensiero di quante volte sono stata giudicata sulla mia coerenza dopo aver scambiato solo due parole! Sì perché se decidi di diventare vegetariano o vegano scegli di vivere in modo un po’ diverso: non cambia solo il modo di mangiare ma generalmente – o almeno nel mio caso – decidi di non indossare scarpe di pelle e di non acquistare borse o accessori di cuoio.
È un processo.
La vita è un continuo cambiamento: tu apprendi dal tuo prossimo, rifletti su ciò che accade intorno a te, impari a vedere le cose in modo diverso…ma questo non avviene tutto insieme, tutto è graduale, il tuo pensiero evolve, si perfeziona, cambia ancora a seconda di chi frequenti, di dove vivi, di che lavoro fai…
Si prende coscienza di certi meccanismi, si decide di non contribuirvi e di scegliere un’alternativa più rispettosa della vita, più etica, talvolta semplicemente più sana. Personalmente credo che se una persona compie un percorso di riflessione (che riguardi l’alimentazione, così come la sobrietà, le missioni di solidarietà…) e giunge ad una scelta di questo tipo – che comporta una rinuncia ma al tempo stesso apre una nuova visuale – vada semplicemente rispettata (a dire il vero penso “tanto di cappello!”).
Eppure non so quante volte è successo così: sei veg? E io ti giudico! Ovvero: saputo che ero vegana, sono stata sottoposta ad una sorta di interrogatorio con simil-trabocchetti per indagare la mia coerenza o il mio stato di salute. Senza un vero interesse, attenzione bene, semplicemente per superficialità direi.

Ma perché?!

C’è chi non mangia carne ma ammette il pesce, chi non mangia carne e pesce ma non rinuncia a uova e formaggio, chi ce la mette tutta ma proprio non sa rinunciare agli affettati, chi è vegetariano ma usa le scarpe di pelle… e allora?! Ognuno ha diritto a mettere (e magari di spostare poi!) il confine della sua scelta nel punto che più gli si addice!
Anche perché diventare vegetariano o vegano, specialmente se spinto da motivi etici, significa compiere una scelta che condizionerà la propria vita, niente di sconvolgente, ci mancherebbe, ma bisogna essere pronti (ed emotivamente forti) a sentirsi considerati un po’ diversi e ad organizzarsi per non restare a pancia vuota (anche se ormai è piuttosto facile trovare ovunque qualcosa suitable for veg)!
E allora mi chiedo che senso possa avere la frase che mi sono sentita risuonare nella testa un milione di volte:

accetto la tua scelta ma non la condivido

COME COME COME???!!!???

Un attimo… c’è qualcosa che non mi torna in queste parole:

“accetto la tua scelta”… ci mancherebbe altro! Non invado la sfera personale altrui e non vedo perché qualcuno potrebbe non accettarla.

“non la condivido”: lo so, altrimenti saresti vegetariano o vegano, ma io non ho bisogno della tua approvazione! Piuttosto se proprio volessimo essere precisini potremmo dire che vegetariani e vegani NON condividono (nel senso che NON approvano) la scelta di chi si ciba di animali perché negano il diritto alla vita degli animali. Quindi sinceramente ho davvero difficoltà a comprendere questo tono di giudizio negativo… mah?!

(to be continued…)

Tags: ,

Related Article

0 Comments

Leave a Comment